Tenerife: cosa vedere, dove mangiare, dove dormire

Tra le più grandi fortune di un viaggiatore c’è quella di avere amici in moltissime parti del mondo. Pur essendoci conosciute a Milano, a febbraio di quest’anno sono andata a Tenerife dalla mia amica Ariana che mi ha fatto scoprire i tesori dell’isola e soprattutto mi ha permesso di viverla a contatto con chi la abita davvero.

Tenerife è la mia terza visita alle isole Canarie dopo Fuerteventura e Lanzarote, quarta se contiamo anche la piccolissima Graciosa. C’è qualcosa di magico in queste terre calde e vulcaniche a due passi dall’Africa, ma europee. Sono isole piene di contaminazioni: l’Africa appunto, la Spagna, ma anche Cuba, il Sudamerica o… Marte!

Passarci una settimana in inverno sta diventando un piccolo rito per sfidare il freddo dell’inizio dell’anno e i cattivi pensieri, ma se a Lanzarote – dove è nato questo blog – ho avuto modo di riflettere su di me e godermi un meritato momento di solitudine, a Tenerife ho avuto modo di godere della compagnia di tanti nuovi amici e di quella che è diventata in realtà una famiglia allargata.

Bando alle ciance, ecco qualche informazione:

Aeroporti

Tenerife ha due aeroporti, Sud e Nord. Tendenzialmente per i turisti può essere più comodo quello del Sud più vicino sia ai resort che alle calette più selvagge con le surf house, ma quello del Nord è probabilmente lo scalo più internazionale poiché è quello della capitale Santa Cruz de Tenerife. Tra uno e l’altro ci sono circa 40 minuti di auto senza traffico, scegliete bene.

Dove alloggiare a Tenerife

Io ho avuto la fortuna di alloggiare tra El Médano e San Isidro. Il vento, caratteristico di questa zona dell’isola, durante la mia settimana di permanenza ci ha dato un po’ di tregua. Ho trovato però la “calima” ovvero il vento caldo dell’Africa che fa arrivare i termometri fino a oltre i 40°. El Médano è un piccolo villaggio famoso per i campionati di windsurf e per la più lunga spiaggia di sabbia di Tenerife. Il paesaggio è arricchito dalla curva sensuale della Montagna Rossa, una riserva naturale. El Médano è un posto perfetto per rilassarsi e fare vita di mare. La grande spiaggia è libera, ma chi non riesce a rinunciare al comfort dei lettini troverà dei servizi comodi ed economici.

Nella piazzetta attigua alla spiaggia e nella passeggiata di legno ci sono tanti ristoranti e bar dove mangiare un boccone o bere una birretta.

Vi consiglio questi perché li ho testati personalmente:

  • Restaurante Veinte 04 Surf Café (Calle Hno Pedro 2)
  • Creperia La Boheme (5 C/Picacho, Local 6)
  • La Casa de Crepe (Paseo Ntra Sra de las Mercedes de Roja)

Sono tutti economici, ma se proprio volete risparmiare ancora di più ci sono altre due opzioni in piazzetta: il supermercato (potete farvi un panino con la tortilla già pronta o una insalata) oppure 100 Montaditos.

Cosa vedere:

Tenerife è un’isola dai mille tesori, non potrò dirti davvero tutto ciò che ho visto in sette giorni, ma penso che sia imperdibile il Teide. Si tratta della vetta più alta di Spagna e del terzo vulcano al mondo per altezza. Ti consiglio di munirti di una giacchetta per visitarlo perché le temperature sono diverse dal resto dell’isola. Un paesaggio marziano ti accoglierà, un’esperienza assolutamente da fare. Sono salita su con l’auto, ma sicuramente ci sono delle escursioni guidate da prenotare nelle città.

Molto suggestivi anche Los Gigantes ovvero dei promontori a Sud dell’isola noti anche perché nei paraggi è facile incontrare balene e delfini. Da la Playa des americas ci sono anche delle barche che organizzano gli avvistamenti di tartarughe, delfini o balene.

Dal punto di vista architettonico non perderti l’Auditorium Adán Martín di Tenerife, progettato da Calatrava a Santa Cruz di Tenerife. La struttura e il panorama sono da sogno. Se ti trovi al Nord dell’isola vai anche alla Playa Las Teresitas con la sabbia artificiale recuperata dal Sahara.

Ti consiglio inoltre di fare un giro a San Cristobal De La Laguna, la cittadina universitaria di Tenerife. Hipster, con un sacco di localini carini e uno Starbucks ricavato in una vecchia casa canaria.

La chicca che voglio regalarti è questa: le piscine naturali di Granadilla de Abona, per localizzarle chiedi a qualche local oppure domanda al Chiringuito Pirata a La Teijta.

Costo della vita

Tenerife, come le altre isole canarie, è davvero economica. Mangiare al ristorante potrebbe costarti anche solo 10 euro e un aperitivo anche 2 o 3 euro. Puoi pensare di starci un periodo lungo senza particolari difficoltà, se non il costo dell’alloggio.

Fammi sapere se decidi di andarci!

 

 

Lascia un commento